Concurrence déloyale

Concorrenza sleale

Seulement français French and English

Il y a péril en la demeure
Depuis que les femmes de bonnes mœurs,
Ces trouble-fête,
Jalouses de Manon Lescaut,
Viennent débiter leurs gigots
A la sauvette.

Ell's ôt'nt le bonhomm' de dessus
La brave horizontal' déçu’,
Ell's prenn'nt sa place.
De la bouche au pauvre tapin
Ell's retir'nt le morceau de pain,
C'est dégueulasse.

En vérité, je vous le dis,
Il y’en a plus qu'en Normandie
Il y a de pommes.
Sainte-Mad'lein', protégez-nous,
Le métier de femme ne nou-
Rrit plus son homme.

Y’a ces gamines de malheur,
Ces goss's qui, tout en suçant leur
Pouc' de fillette,
Se livrent au détournement
De majeur et, vénalement,
Trouss'nt leur layette.

Y’a ces rombièr's de qualité,
Ces punais's de salon de thé
Qui se prosternent,
Qui, pour redorer leur blason,
Viennent accrocher leur vison
A la lanterne.

Y’a ces p'tit's bourgeoises faux culs
Qui, d'accord avec leur cocu,
Clerc de notaire,
Au prix de gros vendent leur corps,
Leurs charmes qui fleurent encor
La pomm' de terre.

Lors, délaissant la fill' de joi’,
Le client peut faire son choix
Tout à sa guise,
Et se payer beaucoup moins cher
Des collégienn's, des ménagèr's,
Et des marquises.

Ajoutez à ça qu'aujourd'hui
La mani’ de l'acte gratuit
Se développe,
Que des créatur's se font cul-
Buter à l'œil et sans calcul.
Ah! les salopes!

Ell's ôt'nt le bonhomm' de dessus
La brave horizontal' déçu’,
Ell' prenn'nt sa place.
De la bouche au pauvre tapin
Ell's retir'nt le morceau de pain,
C'est dégueulasse.


C’è un pericolo incombente
Da quando le donne di buone maniere,
Queste guastafeste,
Gelose di Manon Lescaut,
Vengono a vendersi le cosce
Al mercato nero.

Loro fanno alzare il brav'uomo da sopra
La brava e delusa che gli sta sotto sdraiata,
Loro si prendono il posto di lei.
Dalla bocca della povera disgraziata
Le levano il pezzo di pane,
È ripugnante.

Veramente, ve lo dico,
Ce ne sono di più qui
Che mele in Normandia.
Santa Maddalena, proteggici,
Il mestiere di donna non basta più
A sbarcare il lunario.

Ci sono queste bambine infelici,
Queste pupette che, mentre si succhiano
Il loro pollice di ragazzine,
Si dedicano al raggiro
Del maggiore e, venalmente,
Si alzano le gonnette.

Ci sono queste tardone di qualità,
Queste puzzone da salone da tè
Che si prostrano,
Che, per lucidare il loro blasone,
Vengono ad appendere il loro visone
Alle luci rosse.

Ci sono queste piccole borghesi ipocrite
Che, d’accordo con i loro cornuti,
Impiegati notarili,
A prezzi alti vendono il loro corpi,
Il loro fascino che fa fiorire ancora
Le patate.

Dunque, trascurando la donna di piacere,
Il cliente può fare la sua scelta
Completamente a suo piacimento,
E pagarsi per molto di meno
Delle collegiali, delle casalinghe,
E delle marchesi.

Aggiungete a questo che oggi
La mania dell’atto gratuito
Si espande,
Che delle creature si fanno
mettere a gambe all’aria subito e senza interessi.
Ah! Che zozzone!

Loro fanno alzare il brav'uomo da sopra
La brava e delusa che gli sta sotto sdraiata,
Loro prendono il posto di lei.
Dalla bocca della povera disgraziata
Le levano il pezzo di pane,
È ripugnante.


Webmaster: projectbrassens @ gmail dot com